Un “carcere” che ti dà la possibilità di evadere, per la ricerca di nuove modalità di vita e di pensiero

di Jacopo Fo

Alcatraz nasce 38 anni fa mettendo assieme la voglia di mio padre e mia madre di dar vita a una scuola di teatro e il mio desiderio di salvare il bosco che era intorno al casale che avevo comprato, vicino a Casa del Diavolo, frazione di Perugia.
Iniziammo l’avventura con 3 “predi rurali” diroccati, una torre risalente ai romani, 100 ettari di boschi e oliveti. Che poi negli anni sono diventati 14 casali e 4,5 milioni di mq, l’ultimo grande bosco ad alto fusto tra Gubbio e Perugia. L’idea della Libera Università di Alcatraz era di creare una specie di abbazia medioevale, un posto in mezzo alla foresta dove sviluppare e insegnare le idee nate dalla rivoluzione culturale degli anni ‘70. Se vogliamo cambiare la società dobbiamo sviluppare una nuova cultura, partendo dalla crescita delle persone e sviluppandone le potenzialità.

In questi decenni abbiamo organizzato corsi su un centinaio di temi: costruire uno spettacolo teatrale, scrivere un libro, installare pannelli solari, costruire case ecologiche, migliorare la voce, la respirazione e la postura, coltivare l’orto, prepararsi a un parto dolce, praticare la comicoterapia. E altri ancora. E visto che si sviluppano meglio le potenzialità se si mangia bene e si vive in spazi senza sostanze tossiche abbiamo fondato un ristorante biologico, segnalato da Slow Food, e 25 camere dove tutto, dalle vernici ai materassi, è atossico ed ecologico. Produciamo più energia di quella che consumiamo e cerchiamo di gestire tutto rispettando l’ambiente: dalla fitodepurazione dei liquami all’approvigionamento idrico. Stare bene in mezzo al verde, respirare aria pura, cibarsi di delizie, apre la mente e moltiplica la passione. L’altra operazione è stata quella di evitare che qualche guru prendesse il controllo. Ci siamo occupati di tecniche psicofisiche, dal movimento rallentato allo yoga, sempre restando laici. Alcatraz non ha ideologie o fedi da proporre, siamo un punto di incontro, crediamo nel valore della biodiversità anche nel campo delle idee.


Buone notizie

Contemporaneamente ai corsi c’è stato un gran lavoro di raccolta e indicizzazione delle nuove idee. Nel 1980 progettai la realizzazione dell’Enciclopedia Universale, come quella di Diderot, ma più sexy,che è l’unica rilegata ancora viva. Il progetto era di realizzare 22 volumi su sesso, religione, storia del mondo, filosofia, psicologia, sviluppo delle potenzialità umane, scienza e sono riuscito a portare a termine questo progetto, incredibile ma vero, grazie a centinaia di persone. Da sempre realizziamo la rivista Cacao che negli ultimi 20 anni è uscita come quotidiano digitale delle buone notizie. Perché nel mondo succedono molte cose positive e saperlo è un antidoto contro la depressione e altri malanni. Il centro del nostro lavoro è la passione. Diffondere la passione, per qualunque attività purché pacifica, è l’unico modo per migliorare la vita su questo lussureggiante Pianeta.


Ospitare le idee

Ogni anno ad Alcatraz ospitiamo corsi organizzati da gruppi e associazioni che arrivano qui con i loro insegnanti e usufruiscono solo della nostra ospitalità. Organizziamo gite didattiche e progetti di alternanza scuola lavoro. Cerchiamo di realizzare con gli studenti esperienze concrete che li gratifichino e aumentino la voglia di apprendere e sperimentare. Per esempio abbiamo realizzato, con il Liceo Scientifico di Lovere, sul lago d’Iseo, la costruzione di un’isola di bottiglie di plastica che grazie a pannelli solari, batterie, pompa e 4 tonnellate di sabbia, piante e batteri, è in grado di filtrare l’acqua disinquinandola. Una parte importante del nostro lavoro è rivolta alle aziende con corsi sulle relazioni, public speaking, scrittura creativa aziendale, responsabilità sociale, team building. Questo lavoro è utile perché veicolare nuove idee nelle grandi aziende apre la possibilità di contribuire allo sviluppo di filosofie aziendali non predatorie e win win”, ossia “tutti vincono” al posto di “io vinco tu perdi”.


Città Verde

Negli ultimi 10 anni abbiamo realizzato la prima parte del nostro progetto più ambizioso. Creare una nuova formula abitativa: una Città Verde dove sia possibile inventare nuove modalità di vita, collaborazione ed economia. Non una comune, non uno spazio regolamentato da un’ideologia e da particolari obblighi.

La nostra funzione non è quella di scegliere come altri debbano vivere. Ci limitiamo a offrire una situazione favorevole per trasferirsi in campagna, in una zona con molte opportunità grazie a chi già vive nella Città Verde. La forza di questo progetto è l’elasticità. Proponiamo infatti diverse soluzioni abitative: appartamenti, case indipendenti, case rurali da ristrutturare, terreni con autorizzazione edilizia approvata, una fetta di bosco, e molto altro ancora. Cerchiamo di offrire le soluzioni più diverse assecondando i desideri. Dal 2014 sono state restaurate 5costruzioni oggi abitate. Non pretendiamo di aver creato un’isola felice ma Alcatraz è un posto dove si incontrano persone che amano il cambiamento e la sperimentazione, dove circolano idee e progetti innovativi, uno spazio che è a disposizione di chi desidera realizzare qualcosa di nuovo.

www.alcatraz.it  –  www.ecovillaggiosolare.it

Lascia un commento